Skip to content

BREMENHOBBIES.US

Bremen Condivisione Cloud

SPESE TELEFONICHE RICARICABILI SCARICARE


    Sono deducibili all'80% i costi relativi alla telefonia mobile, ossia i cellulari (prima del era al 50%);. Sono deducibili all'80% anche i costi relativi alla telefonia fissa (prima del era al %). Dal , la percentuale di spese telefoniche detraibili è dell'80%: ecco come funziona nel dettaglio, e quali costi riguarda. un professionista quanto può scaricare dalle tasse del costo di un I costi sostenuti per le spese telefoniche, presentano due aspetti da. Rientrano nell'ambito delle spese deducibili anche quelle sostenute per l'​acquisto delle ricariche telefoniche, ovvero delle schede prepagate.

    Nome: spese telefoniche ricaricabili
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file:71.86 MB

    SPESE TELEFONICHE RICARICABILI SCARICARE

    Per i liberi professionisti è necessario fare una distinzione tra contribuenti soggetti ad un regime fiscale ordinario oppure forfettario. Per dispositivi mobile smartphone, tablet, ecc forniti a dipendenti come benefit aziendale, la tassazione avviene direttamente in busta paga sotto forma di fringe benefit. Deducibilità delle spese telefoniche In base al regime fiscale di appartenenza del professionista o imprenditore, varia il livello di deducibilità delle spese telefoniche ai fini delle imposte dirette sui redditi.

    Secondo la risoluzione ministeriale n. Deducibilità spese telefoniche nel regime forfettario Chi aderisce al regime forfettario non gode di nessun tipo di detrazione.

    Stesso discorso se utilizzi poco le chiamate e sms: pacchetti di minuti e messaggi hanno comunque dei costi che potrebbero essere superiori alla spesa di una tariffa a consumo.

    Quale opzione scegliere, quindi? Se fate parte di quella fascia d'utenza che non utilizza spesso il cellulare, non ha bisogno di una connessione Internet mobile ma utilizza il telefono prevalentemente per ricevere, inviare pochi sms e effettuare telefonate sporadiche, probabilmente le tariffe a consumo possono essere una buona soluzione.

    Sul mercato trovate diverse possibilità: le tariffe a consumo TIM, Wind, Vodafone e Tre sono quelle più diffuse ma anche altre compagnie, come ad esempio PosteMobile e CoopVoce, offrono dei piani interessanti.

    Ad esempio, troviamo tariffe con chiamate che non prevede lo scatto alla risposta: sono piani ideali se si effettuano brevi telefonate. Le chiamate con scatto alla risposta, invece, sono più adatte a chi sta più al lungo al telefono, perché hanno di solito una tariffazione al minuto più conveniente rispetto ai piani senza scatto.

    Ma cambiano a seconda dell'operatore le modalità per ottenere lo storno.

    Come ottenere i rimborsi Il principale scoglio è appunto questo: le modalità di rimborso cambiano a seconda dell'operatore. A quanto indicato sui rispettivi siti, Tim chiede di fare tutto via ; Wind 3 dall'area clienti o dal call center.

    Di seguito, ecco riassunti i principali se non gli unici attualmente applicati tipi di tariffazione utilizzati: Tariffazione a scatti anticipati 30 secondi Prevede lo scatto alla risposta e una tariffazione a scatti anticipati di 30 secondi. Lo scatto alla risposta è una somma, generalmente ma non universalmente compresa tra i 15 o i 16 cent.

    Deducibilità spese telefoniche senza tassa concessione governativa | Settimocell

    I 19 centesimi sono suddivisi in detrazioni di 9,5 centesimi ogni 30 secondi, anticipatamente. Funziona come una sorta di tariffazione al consumo, come accade per la tariffazione al secondo.

    Consigli per la scelta del miglior contratto di telefonia mobile per cellulari D — Che cosa valutare quando si sceglie un contratto? Secondo la risoluzione ministeriale n.

    Deducibilità spese telefoniche nel regime forfettario Chi aderisce al regime forfettario non gode di nessun tipo di detrazione. Il motivo è molto semplice: in questi casi il reddito di impresa è determinato contrapponendo alle cifre effettivamente incassate, dei costi calcolati in maniera forfettaria.