Skip to content

BREMENHOBBIES.US

Bremen Condivisione Cloud

SCARICA SCHEDA TACHIGRAFO


    Contents
  1. Scarico tachigrafo da remoto a norma di legge - Frotcom
  2. Leggi la tua Carta Autista con l'App Tachogram
  3. Servizi di metrologia
  4. Rispettare le normative è semplice.

il tachigrafo digitale registra, all'interno della propria memoria di massa, tutte le I dati del conducente devono essere scarica entro 28 giorni. La ditta deve scaricare la memoria di massa del tachigrafo digitale massimo entro 90 gg e conservarli per 12 mesi a disposizione degli organi. Ѐ possibile scaricare le tessere conducente tramite il Tachigrafo, inserendo la stessa nello slot 1 e la carta Azienda nello slot 2, e collegando un dispositivo di. Lo scarico dei dati del cronotachigrafo digitale può essere effettuato. L'obbligatorietà temporale per lo Scarico dati tachigrafo è la seguente: Il conducente deve scaricare la propria carta tachigrafa ogni massimo 28 gg e/o.

Nome: scheda tachigrafo
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file:31.44 Megabytes

Per informazioni sul rilascio delle carte tachigrafiche collegarsi a questa pagina. La carta tachigrafica digitale è un dispositivo, simile alla carta di un bancomat o ad una carta di credito, che va installata nel tachigrafo digitale e sul quale vengono registrate tutte le attività del conducente dal momento in cui utilizza il mezzo.

I conducenti degli automezzi, le aziende titolari di attività di autotrasporto, le officine abilitate al montaggio e alla riparazione dei tachigrafi digitali, ovvero i Centri Tecnici autorizzati dalle Camere di Commercio, e gli addetti al controllo come Polizia Stradale, Guardia di Finanza ecc….

Le tipologie di carte tachigrafiche digitali che possono essere rilasciate dalle Camere di commercio sono le seguenti:. La Carta è rilasciata dalle Camere di Commercio, avvalendosi degli strumenti elettronici e telematici approntati dal gestore del proprio sistema informativo, laddove il richiedente possegga i seguenti requisiti:.

La Carta viene intestata alle Autorità di cui al precedente comma, la cui denominazione ed indirizzo verranno stampati sulla superficie della Carta e registrati nella memoria della stessa. La Carta è rilasciata dalle Camere di Commercio avvalendosi degli strumenti elettronici e telematici approntati dal gestore del proprio sistema informativo laddove il richiedente possegga i seguenti requisiti:.

Scarico tachigrafo da remoto a norma di legge - Frotcom

Javascript non attivo. In alternativa è possibile consultare l'indice testuale della sezione. La carta tachigrafica è il dispositivo che consente l'utilizzo, nelle sue diverse funzioni, del tachigrafo digitale installato sugli automezzi adibiti al trasporto di persone e merci. Permette, innanzitutto, di identificare il soggetto che opera con il tachigrafo, sia esso un conducente, un'autorità di controllo, un'officina di manutenzione o un'azienda proprietaria del veicolo.

Essa stessa contiene un sistema di conservazione di dati relativamente alle operazioni che vengono svolte con il tachigrafo digitale. Esistono quattro diversi tipi di carta, ognuna con una diversa funzione in relazione al soggetto che la deve utilizzare:. Il possessore della carta è tenuto a restituirla alla scadenza del periodo di validità.

La carta deve inoltre essere restituita qualora il possessore non la utilizzi o a seguito della perdita dei requisiti previsti dalla Legge.

I soggetti interessati al rilascio ed al rinnovo delle carte potranno farne richiesta, previo appuntamento concordato telefonicamente, all'Ufficio Servizi di Metrologia della Camera di Commercio di Prato via del Romito 71 presentando la modulistica e gli allegati specifici per il tipo di carta da richiedere come di seguito specificato. Le carte saranno consegnate di norma entro quindici giorni lavorativi dal ricevimento della domanda.

Per conoscere il costo del servizio fare riferimento alla sezione "Costi". È inoltre necessaria l'eventuale delega del richiedente per ritirare la carta e copia del documento d'identità del delegato e del delegante. Carta dell'Azienda : i soggetti titolare, legale rappresentante o persona da questi delegata di una impresa di trasporto avente sede principale, secondaria o unità locale nella Provincia di Prato presentano, presso la Camera di Commercio di Prato, l'apposita domanda per il rilascio della Carta dell'Azienda debitamente compilata, sottoscritta dall'interessato e corredata dalla fotocopia leggibile del documento di identità carta identità o passaporto in corso di validità del soggetto sottoscrittore.

In caso di delega del richiedente per ritirare la carta dovrà essere prodotta oltre alla delega, la copia del documento d'identità del delegato e del delegante. Carta dell'Officina : i soggetti che hanno un'officina nella provincia di Prato in possesso delle necessarie autorizzazioni per svolgere le attività di installazione e manutenzione del tachigrafo digitale presentano, presso la Camera di Commercio di Prato, l'apposita domanda in bollo per il rilascio della Carta dell'Officina debitamente compilata, sottoscritta dall'interessato e corredata dalla seguente documentazione:.

Unitamente al rilascio della Carta dell'Officina è rilasciato un codice di accesso PIN con modalità atte ad impedire la conoscibilità del codice stesso da parte di soggetti diversi dal richiedente. Carta dell'Autorità di controllo : i rappresentanti delle Autorità deputate ai controlli di natura tecnico-amministrativa in materia di sicurezza sul lavoro e sul trasporto stradale ovvero adibite o autorizzate ai servizi di polizia stradale presentano domanda per il rilascio della Carta dell'Autorià di controllo o di più carte alla Camera di Commercio competente per territorio debitamente compilata e sottoscritta dall'interessato e corredata della fotocopia leggibile del documento di identità carta identità o passaporto in corso di validità del rappresentante dell'Autorità.

Le Camere di Commercio possono stipulare specifiche convenzioni con le Autorità interessate. La consegna della carta presso l'ufficio è gratuita. Il costo della carta di controllo è stabilito a mezzo di apposita Convenzione tra il sistema camerale e le Amministrazioni di controllo.

Inserisci un tuo commento per indicarci cosa migliorare:.

Leggi la tua Carta Autista con l'App Tachogram

Servizi di metrologia Ultimo aggiornamento: 28 Agosto Se il conducente si ferma e non indica esplicitamente l'attività di riposo il tachigrafo non sarà ingrado di contegiare tale periodo e quando si riprende la guida il dispositivo continuerà a segnalare il mancato riposo.

Anche il secondo conducente è tenuto ad indicare le sue attività. E' responsabilità dell'azienda fornire indicazioni ai propri dipendendi circa l'utilizzo del tachigrafo e controllare sull'utilizzo corretto dello stesso.

Il tachigrafo digitale registra tutti gli eccessi di velocità? Il tachigrafo digitale memorizza in automatico ogni eccesso di velocità superiore al limite per la tipologia di veicolo. Di ogni eccesso di velocità viene registrato la data, l'ora, la durata, la veloctà massima raggiunta e quella media.

Viene inoltre registrato anche la carta conducente presente al momento nel tachigrafo. Esiste inoltre la registrazione dettagliata dell'andamento di velocità per le ultime 24 ore di guida. Per accedere al dato è necessario scaricare la memoria di massa del tachigrafo ed uno specifico software di visualizzazione.

I padroncini sono esentati dalle operazioni di scarico e archiviazione dei dati? Assolutamente no.

Servizi di metrologia

Il padroncino, come le aziende, sono tenute alle operazioni periodiche di trasferimento ed archiviazione dei dati, nonchè a conoscere le funzionalità dell'apparecchio di controllo e al rispetto delle normative relative ai tempi di guida e di riposo. Dove mi devo rivolgere per la prima calibrazione e la verifica annuale? Con il nuovo decreto del 10 agosto del Ministero dello Sviluppo Economico viene confermato il principio dell'operatività dei centri tecnici autorizzati su ogni marchio di tachigrafo digitale presente sul mercato, come anticipato in via transitoria dalla circolare ministeriale n.

L'azienda deve provvedere alla formazione dei propri dipendenti? Come indicato dal Decreto del 31 marzo l'azienda deve provvedere alla formazione dei propri dipendenti e deve inoltre controllare l'utilizzo corretto dell'apparrecchio di controllo.

La carta del conducente è dell'azienda o del dipendente? La carta del conducente è strettamente personale. Se il rapporto di lavoro termina il conducente porta con sè la propria carta, anche se la richiesta di emissione è stata effettuata dall'azienda.

E' possibile richiedere più carte aziendali?

E' importanet comunque che l'utilizzo di tali carte sia delegato solo al personale autorizzato. Per quanto tempo è necessario conservare i dati in azienda? Tutti i fogli di registrazione provenienti da tachigrafi analogici, i dati scaricati da carte conducenti e tachigrafi digitali e le eventuali registrazioni manuali generate in caso di malfunzionamento degli apparecchi di controllo devono essere conservati presso l'azienda per un periodo minimo di 24 mesi.

Il periodo di conservazione dei dati è infatti stato esteso a 24 mesi dalla nuova direttiva n. Cosa succede se l'azienda non provvede allo scarico ed archiviazione dei dati? E' possibile affidarsi alle officine per lo scarico dei dati? E' possibile affidare la gestione e la conservazione dei dati a soggetti terzi purchè se ne sia comunicazione scritta ed immediata alla Direzione Provinciale del Lavoro. I soggetti terzi che erogano il servizio devono garantire la riservatezza e la segretezza dei dati.

L'azienda deve, in ogni caso, effettuare l'attività di controllo nei confronti dei propri conducenti. Come si effettua lo scarico dei dati? Esistono diverse soluzioni per lo scarico dei dati. Per le aziende di piccole dimensioni si consiglia il TIS-Compact che consente, oltre allo scarico, anche la stampa e l'esportazione dei dati.

Infine, per la semplificazione delle operazioni di scarico, esistono dei terminali di scarico dati autonomi. L Regolamento sui periodi massimi per il trasferimento dei dati pertinenti dalle unità elettroniche di bordo e dalle carte del conducente.

Perché la Commissione Europea ha emanato nuove tempistiche di scarico? Attualmente la materia è regolata in Italia dal decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali 31 marzo G. Tale decreto prevede che i periodi massimi per il trasferimento dei dati, secondo la normativa nazionale in vigore sino al 21 luglio , per quanto riguarda il tachigrafo digitale deve avvenire al massimo entro tre mesi, mentre per la carta del conducente il periodo non deve superare le tre settimane.

Si è reso necessario allora adeguare ed uniformare i periodi di scarico per tutti i paesi S. Per lo stesso periodo e per le medesime finalità devono essere conservati, con firma elettronica, i dati di registrazione dei dati dai tachigrafi digitali e dalle carte conducente, secondo le modalità previste dall'allegato 1B del regolamento CE n.

I titolari delle imprese di trasporto sono responsabili, anche per gli automezzi che hanno preso in locazione, del trasferimento e della conservazione in sicurezza dei dati, su un supporto dati esterno che ne garantisca l'inalterabilità e la conservazione nel tempo, avendo cura di predisporre almeno un'ulteriore copia di salvataggio. Vedasi la presentazione allegata sulle modalità e tenuta dei dati da parte delle aziende di trasporto.

I dati devono essere conservati in un luogo sicuro, accessibile solo alle persone autorizzate e devono essere resi disponibili, presso la sede dell'impresa, all'autorità di controllo.

Si ricorda che le suddette operazioni devono essere eseguite anche nei seguenti casi: 1 dal tachigrafo digitale immediatamente prima della cessione del veicolo ad altra impresa, in caso di sostituzione di apparecchio non perfettamente funzionante, ovvero su richiesta dell'autorità di controllo; 2 dalla carta conducente immediatamente prima che il conducente lasci l'impresa di trasporto, prima della scadenza della carta, ovvero su richiesta dell'autorità di controllo.

Rispettare le normative è semplice.

Pertanto, il decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali 31 marzo va rivisto alla luce delle modifiche introdotte a partire dal 22 luglio di cui sopra, rimanendo in vigore la restante parte. Di particolare interesse appare, a parere di chi scrive, la premessa n. Ora, con la suddetta precisazione vengono sgombrati i dubbi interpretativi.

Recita la regola che si considerano solo i giorni in cui è stata registrata un'attività. La precisazione non è da poco in quanto, vi sono molte situazioni in cui il veicolo non viene utilizzato anche per lunghi periodi.

I mezzi immatricolati prima di tale data potranno continuare ad utilizzare i vecchi cronotachigrafi analogici. Nel caso in cui un vecchio cronotachigrafo non possa più essere riparato questo potrà essere sostituito solo con un nuovo tachigrafo digitale. Fino a che non saranno autorizzati centri tecnici abilitati ad effettuare le operazioni di taratura il conducente di un veicolo dotato di tachigrafo digitale, per documentare l'attività di guida e riposo, dovrà avvalersi dei fogli di registrazione omologati utilizzabili per dispositivi di controllo analogico, annotandovi manualmente tutte le informazioni relative al veicolo condotto, all'itinerario e ai chilometri effettivamente percorsi.

Nella parte posteriore andranno annotati i tempi di guida e riposo in occasione delle pause prescritte ovvero al termine del viaggio.

Hai letto questo? SCARICA SUONERIA 3510I

I fogli dovranno essere conservati dal conducente e dall'impresa per i tempi richiesti dalla normativa vigente. L'autorizzazione è soggetta a rinnovo annuale, previo accertamento della permanenza dei requisiti, da parte della camera di Commercio, ed è specifica per i tachigrafi digitali di ciascun fabbricante. Quindi, per uno stesso Centro Tecnico, potranno coesistere più autorizzazioni. I requisiti che i centri Tecnici devono possedere sono stabiliti nei punti 1 e 2 dell' allegato al DM 11 marzo Essi sono alquanto impegnativi; ad esempio, le officine che intendono svolgere anche i controlli periodici devono disporre di un sistema di garanzia della qualità almeno in fase di rinnovo dell'autorizzazione , disporre di strumentazione certificata e campioni di lavoro verificati.

Il DM 21 febbraio , modificando quanto precedentemente disposto, permette ai soci, ai dirigenti e al personale del Centro Tecnico di partecipare ad imprese che svolgano attività di vendita di veicoli, cui è correlata un'attività di trasporto e di locazione di veicoli a terzi, a condizione che il centro tecnico non svolga interventi sui veicoli di proprietà dell'impresa di vendita.

Il numero di ccp è il intestato alla Camera di Commercio di Rovigo.

La richiesta di rilascio va inoltrata al Registro delle Imprese, via N. Bedendo, 4, tel. I diritti di segreteria devono essere versati esclusivamente su Conto corrente postale n.

NON è ammesso il pagamento in contanti allo sportello. Il modulo di richiesta si compone di 4 pagine, che devono essere tutte compilate, sottoscritte dal richiedente e consegnate.

L'invio di una modulistica non completa comporterà l'impossibilità di rilasciare il dispostivo nei tempi previsti. Le carte sono di 4 tipi diversi, ed ognuna ha una propria funzione specifica a seconda che appartengano al conducente, all'impresa, all'officina o alle autorità di controllo.

RINNOVO Alla scadenza del periodo di validità le carte andranno restituite e si potrà richiedere il rinnovo, con le stesse modalità previste per il primo rilascio, entro il termine di quindici lavorativi antecedenti la data della scadenza. Il periodo di validità delle carte è di un anno per la carta dell'officina e di cinque anni per le altre.

La sostituzione invece si rende necessaria in caso di danneggiamento, cattivo funzionamento, smarrimento o furto della carta. Ad eccezione del caso di furto o di smarrimento, che richiede anche la preventiva denuncia all'autorità di Polizia di Stato, sarà necessario sempre restituire la carta di cui si chiede la sostituzione. La validità della nuova carta sarà la stessa di quella sostituita.

Modulistica e diritti di segreteria sono analoghi a quelli previsti per il rinnovo della carta, ad eccezione del caso di sostituzione per difetto della carta che viene rilasciata a titolo gratuito. IVA - info siak.